Quando è poesia?

il_rimario
Wednesday, September 27, 2017 8:18 AM





Quando è poesia?


La poesia deve riuscire a far vedere il mondo con occhi diversi; è polisemica, gioca con le parole, esprime emozioni, comunica memorie, fantasie, desideri.
Crea fulminei connessioni tra la realtà e il proprio inconscio ,e a sua volta agisce su quello altrui. Certe intuizioni poetiche furono ammirate perfino da Freud, che scrisse un saggio sull'argomento.

Quando è “poesia”? Deve nascere da un'esperienza, illuminazione o vissuto nostro diretto. Anche minima cosa purchè sia soggettiva ma nel senso condivisibile. E' metafora di vita che nulla ha a che fare con i montaggi sia pure abili, di parole giustapposte. Sogni desideri, timori, confluiscono creando visioni tra realtà e fantasia. Può succedere anche con un pochi versi. Metrica e rime non sono indispensabili,ma deve avere un certo ritmo. Le rime non devono mai essere casuali,ma attraverso suoni e significati manifestare un personale linguaggio poetico. A parer mio non occorrono altre tecniche. Ha forme svariate; prediligo le rime giocose o che esprimono condivise situazioni di vita.

Il senso può nascere dall'incontro di due inconsci, ma talora mi è difficile decifrarne alcune, forse perchè prevale la suggestione del “suono” o un senso simbolico troppo ermetico, o troppo personale. Posso apprezzare anche i classici topos poetici. Purchè usati in modi inusuali.
Distratto_2
Thursday, November 9, 2017 7:28 PM
Per me la poesia è un mezzo,uno strumento di cui mi interessa e colpisce solo il modo in cui lavora. No ha Valenza alcuna,per me, la ricerca del vocabolo,il rispetto della cadenza, le regole. A me interessa il suo lavoro su di me:sia quando leggo di altri,sia quando scrivo io. Se la forma da forza alla sostanza io lo percepisco e ne godo. Ma la sostanza ,l'effetto,l colpo sul sentire è quello che io riconosco come poesia. Infatti il mio limite e non capire la poesia di molti riconosciuto poeti.allora la domanda sarebbe.. Non ne sono all'altezza io o davvero la poesia non è universale linguaggio,come invece si pretenda che sia. Cos'è la buona poesia? Se lo chiedete a me io rispondo:quella che mi piace,quella che comprendo con la mia anima.
Scusate l'ignoranza.
fabella
Friday, November 10, 2017 1:03 PM
Re:
Distratto_2, 09/11/2017 19.28:

Non ne sono all'altezza io o davvero la poesia non è universale linguaggio, come invece si pretenda che sia. Cos'è la buona poesia? Se lo chiedete a me io rispondo: quella che mi piace, quella che comprendo con la mia anima.
Scusate l'ignoranza.




cos'è la buona pittura? quella che ti piace, quella che comprendi con la tua anima?

cos'è la buona musica? quella che ti piace, quella che comprendi con la tua anima?

cos'è il buon teatro?? quello che ti piace, quello che comprendi con la tua anima?

evviadicendo.... non ti sembra piuttosto egocentrica come conclusione? io direi invece che la poesia, ma l'arte in genere, tocca tutti gli universi, che sono indiscutibilmente uno diverso dall'altro

[SM=x2823269]
il_rimario
Saturday, November 11, 2017 7:56 AM
Ai poeti troppo autocentrati consiglio questo libro e anche le recensioni presenti online:

Donatella Bisutti: "La poesia salva la vita.Capire noi stessi e il mondo attraverso le parole.Far cambiare idea a coloro che dicono di non amare la poesia, perché la trovano oscura, difficile, e inutile alla nostra vita: questa è stata la scommessa dell'autrice scrivendo questo libro, e il suo successo sembra averle dato ragione. "La poesia salva la vita", ormai un "classico", è infatti un libro per avvicinare la poesia in un modo del tutto nuovo e vederla non più come una tecnica astrusa, ma un imprevedibile, affascinante "alfabeto del mondo". Perché la connotazione della poesia è - prima ancora che letteraria esistenziale: essa riguarda tutti noi in quanto esseri umani. La poesia è una chiave preziosa e insostituibile per entrare in contatto con quella vasta e per lo più sconosciuta parte della nostra psiche che concerne le nostre emozioni e aiutarci a viverle e a esprimerle in modo creativo. Abbiamo infinitamente bisogno delle sue magie e dei suoi giochi per vivere meglio, e ritrovare quello sguardo di meraviglia che abbiamo forse perduto uscendo dall'infanzia. Allora la poesia può davvero salvare la nostra vita dal senso di noia, di inutilità e di malinconia che ci afferra quando la nostra creatività - un dono che spesso non sappiamo di possedere - giace chiusa e dimenticata in un cassetto.

[SM=x2823269]

Distratto_2
Saturday, November 11, 2017 5:04 PM
Re: Re:
fabella, 10/11/2017 13.03:




cos'è la buona pittura? quella che ti piace, quella che comprendi con la tua anima?

cos'è la buona musica? quella che ti piace, quella che comprendi con la tua anima?

cos'è il buon teatro?? quello che ti piace, quello che comprendi con la tua anima?

evviadicendo.... non ti sembra piuttosto egocentrica come conclusione? io direi invece che la poesia, ma l'arte in genere, tocca tutti gli universi, che sono indiscutibilmente uno diverso dall'altro

[SM=x2823269]


Forse, ma è un dato di fatto che esprimo. Ci sono molte cose che a me non piacciono e molte che invece piacciono. Qual 'è il limite oltre il quale si deve pensare ad una forma elitaria di snobbismo piuttosto che ad un oggettiva interpretazione dell'arte?

Questa è la versione 'lo-fi' del Forum Per visualizzare la versione completa click here
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:16 AM.
Copyright © 2000-2021 FFZ srl - www.freeforumzone.com